LA PREPARAZIONE INDISPENSABILE PER I CONCORSI

0

150 DIRIGENTI AGENZIA DELLE ENTRATE


Pubblicato in G.U. concorso pubblico per il reclutamento di 150 dirigenti  di  seconda fascia da destinare in  via  prioritaria  alla  direzione  di  uffici preposti  ad  attivita'  operative   di   gestione,   riscossione   e contenzioso dei tributi di competenza dell'Agenzia delle entrate.


REQUISITI

Sono ammessi a partecipare:


a) i dipendenti di ruolo delle pubbliche amministrazioni, muniti di laurea, che abbiano compiuto almeno cinque anni di servizio o, se in possesso del dottorato di ricerca o del diploma di specializzazione conseguito presso le scuole di specializzazione individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, almeno tre anni di servizio,
svolti in posizioni funzionali per l'accesso alle quali è richiesto il possesso del dottorato di ricerca o del diploma di laurea. Per i dipendenti delle amministrazioni statali reclutati a seguito di corso-concorso, il periodo di servizio è ridotto a quattro anni;

b) i soggetti in possesso della qualifica di dirigente in enti e strutture pubbliche non ricomprese nel campo di applicazione dell'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, muniti del diploma di laurea, che hanno svolto per almeno due anni le funzioni dirigenziali;


c) coloro che hanno ricoperto incarichi dirigenziali o equiparati in amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a cinque anni, purché muniti di diploma di laurea;


d) i cittadini italiani, forniti di idoneo titolo di studio universitario, che hanno maturato, con servizio continuativo per almeno quattro anni presso enti od organismi internazionali, esperienze lavorative in posizioni funzionali apicali per l'accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea.

PROVA PRESELETTIVA

La prova preselettiva consisterà in un questionario strutturato in due parti. La prima parte comprenderà 45 quesiti a risposta multipla riguardanti il diritto tributario e la scienza delle finanze nonché l’ordinamento e le attribuzioni dell’Agenzia delle entrate.

La seconda parte del questionario consisterà in 15 quesiti a risposta multipla relativi a problematiche organizzative e gestionali ricadenti nell’ambito degli studi sul comportamento organizzativo; i quesiti descriveranno situazioni concrete di lavoro, rispetto alle quali s’intende valutare la capacità di giudizio dei candidati, chiedendo loro di decidere, tra almeno quattro alternative predefinite di possibili corsi d'azione, quale ritengano più
adeguata e quale, invece, meno adeguata.

PROVA SCRITTA

La prova scritta, a contenuto tecnico-pratico, si articola in due fasi:
a) la prima ha come obiettivo quello di vagliare le abilità cognitive dei candidati, quali, in particolare, la capacità argomentativa, l’acume critico nell’analisi dei problemi, la capacità di sintesi e l’attitudine a esprimersi in modo semplice e chiaro. In relazione a tale obiettivo la prova d’esame definisce il perimetro di cognizioni tecnico-operative rispetto a cui effettuare la verifica di quelle capacità, in modo da evitare che essa sia
inficiata da fattori casuali di tipo solo nozionistico. A tale scopo la prova consiste in tre quesiti a risposta aperta, che il candidato ha facoltà di scegliere tra quelli formulati in sede di esame, su argomenti di carattere anche interdisciplinare, attinenti alle seguenti materie:
− diritto tributario e scienza delle finanze;
− diritto amministrativo;
− diritto civile e commerciale;
− elementi di diritto internazionale pubblico e dell’Unione europea;
− elementi di economia aziendale;
− elementi di diritto penale;
− pianificazione, organizzazione e sistemi di controllo;
− ordinamento e attribuzioni dell'Agenzia delle entrate.

 

b) la seconda fase consiste nella prospettazione di un caso pratico di lavoro riguardante situazioni problematiche di tipo organizzativo e gestionale, ricadenti nell'ambito degli studi sul comportamento organizzativo. Le situazioni oggetto della prova sono rappresentate sotto forma di quesiti a risposta aperta, volti a valutare la capacità dei candidati di vagliare le diverse soluzioni possibili e di individuare quella più confacente rispetto alla complessità della situazione in esame e all'esigenza di superarne le criticità.

 

PROVA ORALE

La prova orale consiste in un colloquio volto ad approfondire la verifica delle capacità cognitive e delle competenze manageriali dei candidati. Il colloquio verte sulle materie della prova scritta.



ALLEGATI



DATE


PUBBLICAZIONE BANDO - 01/02/2019
TERMINE PRESENTAZIONE DOMANDA - 04/03/2019
DIARIO PROVA PRESELETTIVA - 02/04/2019